Overblog Segui questo blog
Edit page Administration Create my blog
/ / /

I parchi pubblici di Lugano sono scaturiti dalla lungimiranza delle autorità.

1912

Il comune di Lugano acquista per 1'800'000 franchi il parco e la Villa Ciani.

1963

Il comune di Castagnola, confrontato alla difficoltà di finanziare l’acquisto del parco San Michele, stipula un accordo con due facoltosi avvocati luganesi che pagano la totalità della somma, per acquisire la parte bassa del terreno in prospettiva di costruirci due ville, e cedere alla collettività 12000 mq di parco.

Oggi

A Castagnola il parco di Villa Favorita è in parte lottizzato. Sfuma la prospettata apertura al pubblico della passeggiata a lago. « La grande Lugano ha piccole ambizioni » titolava al proposito la Neue Zürcher Zeitung. Perché Lugano non ha l’abilità di fare di Villa Favorita il parco pubblico della Lugano del 2000?

A Gandria il sindaco di Lugano firma il pre-progetto del discusso complesso di palazzine su un terreno la cui edificabilità, lui stesso ritiene un errore di pianificazione.

Perché?

Tutti hanno buone intenzioni e ci interessa conoscere quelle dell’architetto. Solo così si può uscire dalle logiche binarie e inventare una soluzione abbastanza aperta, perché l’interesse privato componga con il bene collettivo; l’era del cemento rispetti i secoli di cultura artigianale; l’operosità s’inchini all’originario bisogno che ha la psiche umana di specchiarsi e riconoscersi nella bellezza dell’ambiente. 

Condividi pagina

Repost 0
Published by