Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
20 settembre 2011 2 20 /09 /settembre /2011 14:46

Antonio Gili, direttore dell'Archivio storico di Lugano, ha aperto la giornata kafkiana del 4 settembre scorso a Gandria con un interessante intervento nel quale ha tracciato i contorni della visita di cento anni fa del grande scrittore.

Interessanti le stringate eppur evocative note di Kafka su Gandria, con un ragazzo che prende le busse e un suono cupo di letti battuti. Interessanti anche le annotazioni di Gili, che ci riconsegna la Lugano del tempo, una città oggi molto cambiata ma che sembra riproporre tutti i problemi di allora: un agosto soffocante, risse tra bulli, un tram che allora c'era e oggi si chiama desiderio, le discussioni sul Ciani e il centro d'arte ...

Condividi post
Repost0
15 settembre 2011 4 15 /09 /settembre /2011 10:37

VivaGandria - per una goccia di magia è un gruppo della nostra Associazione, formato soprattutto da mamme che si sono organizzate per proporre in paese attività adatte ai bambini. 

Propone un primo evento sabato 1° ottobre con un pomeriggio di racconti nostrani e lontani per bambini dai 3 ai 10 anni nel suggestivo scenario di Gandria. Per l'occasione, dopo che già si sono aperte quelle delle Cantine, saranno aperte anche le porte di alcune delle più belle case storiche di Gandria. Per finire ci sarà una castagnata per bambini e genitori, offerta a tutti dal Comitato manifestazioni Gandria (a cui vanno i nostri ringraziamenti).

Quindi un evento da non mancare, ma attenzione: è necessario iscriversi entro il 25 settembre, telefonando allo 079 8908089 o inviando una e-mail a gocciadimagia@viva-gandria.ch

Maggiolino-2011 0056

Condividi post
Repost0
12 settembre 2011 1 12 /09 /settembre /2011 22:04

Il meno che si può dire è che l'attesa è stata lunga, ma finalmente il Municipio di Lugano dà avvio allo studio per il PR unico della città, dandone annuncio con un comunicato a fine agosto. La cosa ci rallegra e non c'è dubbio che la decisione sia diventata inevitabile dopo il concitato episodio sulla Variante beni culturali che dovrebbe concludersi pacificamente proprio questa sera in Consiglio comunale, per l'accordo trovato in extremis tra esecutivo e Commissione pianificazione del legislativo. Abbiamo già segnalato come la Commissione avesse messo l'accento sull'assoluta necessità di un nuovo PR e suggerito, dato il ritardo con cui la questione viene affrontata, l'adozione di zone di pianificazione per sezioni particolarmente sensibili della città (tra le quali rientra indubbiamente anche Gandria).

Per la sua stessa natura l'iter sarà lungo e per vedere il nuovo PR dovremo attendere 10-15 anni. Si comincerà con la definizione di un "Piano di indirizzo" - in pratica un Piano direttore comunale sulla falsariga di quello cantonale. Riteniamo che si comincia bene, almeno sulla carta, perché prima di tracciare disegni è necessario sapere cosa e come si vuol fare dove. Ovviamente VivaGandria sarà estremamente attenta a questa discussione, alla quale intende partecipare attivamente.

Il municipale Angelo Jelmini, responsabile della pianificazione, ritiene che il messaggio per dare il via all'operazione potrà essere presentato al CC entro fine anno e si dichiara possibilista rispetto all'adozione di zone di pianificazione. Si può prevedere che il messaggio, magari con modifiche, sarà accettato dal legislativo, anche se la Lega fa bande à part e ripropone l'idea di un Baustopp.

Condividi post
Repost0
12 settembre 2011 1 12 /09 /settembre /2011 13:50

partenza2ettembre 2011 117

Una settantina di partecipanti si sono dati appuntamento sul sagrato della chiesa di San Vigilio ...

battello

... per partire con il battello verso una bella avventura.

landessa2

Dopo aver ammirato le fornaci di Campione e l'anfiteatro della ex-cava Ronchetti, primo sbarco a Landessa per visitare la cantina che serviva l'Alpe Trevino.

cantina3

I proprietari hanno accolto calorosamente la frotta dei visitatori.

cantina5

Come si aprono le complicate serrature di una cantina? Spiegazione e dimostrazione di prima mano.

cantina

Dentro una cantina: botti e damigiane d'altri tempi.

descanso3

Il rimpianto Grotto Descanso si è aperto per un giorno: quando riaprirà definitivamente?

descanso6

Una gradita degustazione del patrimonio culinario locale: Merlot di Pugerna, Bianco Bio di Arogno, Zincarlin di Salorino, formaggini di capra dell'Alpe Nadigh, salame, mortadella e lardo di maiali del Monte Generoso, formaggella di Muricc sopra Isone. 

Condividi post
Repost0
10 settembre 2011 6 10 /09 /settembre /2011 06:43

C'è preoccupazione in paese per i continui interventi tecnici che, accumulandosi, intaccano e snaturano progressivamente la singolarità e il fascino del luoghi. Dopo lo shock delle terribili centraline per le fogne e del cattivo inserimento nelle rive dell'impianto fognario, recentemente è stata la volta del muro del cimitero...
Eppure basterebbe il disegno oculato di una buona mano d'architetto per  fare di quei piccoli interventi occasioni di ripristino e/o plusvalore aggiunto.
Dal 2008 non smettiamo di battere il chiodo.  Secondo noi serve un inventario integrale, come serve uno studio dell'area dell'entrata carozzabile. I nostri progetti in merito hanno accolto favori cantonali e federali. Siamo ora in attesa che si aprano le porte di una discussione e di una concertazione con l'autorità comunale, Nel 2009 abbiamo richiesto una valida supervisione architettonica per tutti i piccoli interventi tecnici e di manutenzione a Gandria. Le direttive emanate allora dalla signora Giovanna Masoni, cui il Municipio aveva delelgato la questione, non hanno purtroppo avuto nessun effetto. Perciò pochi giorni fa abbiamo di nuovo scritto al Municipio per offrire l'operato di una nostra squadra di professionisti, che sono già sul posto e possono, per il solo piacere di giovare al bene comune, farsene carico. Alla lettera abbiamo allegato esempi fotografici per illustrare quello che non va e quello che si può fare.
Speriamo ora che qualcosa cominci a muoversi e che le porte si aprano, come domani si apriranno quelle delle cantine e il 1° ottobre, per i bambini, quelle delle case storiche di Gandria.

Condividi post
Repost0
9 settembre 2011 5 09 /09 /settembre /2011 06:21

Oggi il Giornale del Popolo dedica un'intera pagina alla nostra Associazione: la mettiamo online, affinché nessuno rischi di perderla.

Salutiamo questa iniziativa perché ci sembra importante che finalmente la stampa cominci a considerare l'utilità e la necessità di dare spazio ai gruppi che operano sul territorio per uno sviluppo meditato e consapevole della città. Ringraziamo il direttore Claudio Mesoniat per essersi assunto il compito di aprire le danze.

Condividi post
Repost0
8 settembre 2011 4 08 /09 /settembre /2011 11:44

Da oggi l'albo di VivaGandria fa bella mostra di sé sul muro accanto al sagrato della chiesa (ringraziamo il Consiglio parrocchiale e il Comune per l'autorizzazione). Il suo scopo è molteplice. Innanzitutto serve ovviamente a trasmettere le notizie riguardanti la nostra Associazione e a pubblicizzarne le attività. Ma anche altri gruppi o associazioni potranno affiggere qui le informazioni sugli eventi che organizzano. Ci sarà spazio anche per i piccoli annunci. Cerchi un/una babysitter? Vuoi regalare, vendere o scambiare qualcosa? Hai un appartamento da affittare? Oppure lo cerchi? Cerchi qualcuno con cui organizzare un'escursione? Niente di più facile: metti un piccolo annuncio sull'albo di VivaGandria.

alboVG

Condividi post
Repost0
6 settembre 2011 2 06 /09 /settembre /2011 20:29

Cento anni fa Gandria ha accolto Kafka con un calda giornata di sole. Quest'anno ne ha accolto il ricordo con una tiepida giornata di pioggia, costringendo pubblico e artisti a rifugiarsi sotto il portich lungh. Ma anche quando è imbronciata, Gandria sa esprimere tutto il suo fascino: il portico, dove solitamente i vicini tengono la loro festa annuale, si è dimostrato particolarmente adatto anche per accogliere eventi di questo genere.

foto

Il mattino, prima dell'aperitivo offerto da VivaGandria, Antonio Gili - direttore dell'Archivio storico di Lugano - ha illustrato ai presenti i momenti del passaggio di Kafka. Nel pomeriggio gli artisti (Daniele Bernardi, le Schegge di vetro Ruben Oviedo e Marco Viale, Flavio Stroppini, Zeno Gabaglio e Anhai Traversi, Fabrizio Sassi e Andrea Rusconi) hanno saputo avvincere il pubblico con le loro prestazioni, complice anche il mormorio della pioggia che a tratti si mescolava alle loro fini colonne sonore. Ringraziamo Mauro Valsangiacomo, l'estroso factotum delle Edizioni alla chiara fonte, per averci proposto dei buoni momenti.

Condividi post
Repost0
30 agosto 2011 2 30 /08 /agosto /2011 11:54

Vi abbiamo già presentato le nostre osservazioni sul PAL2, avvertendovi che si tratta di un tema alquanto complicato per i non addetti ai lavori. Ora i Cittadini per il territorio di Massagno (che hanno avuto un ruolo importante nella stesura della nostra presa di posizione) hanno messo in linea tutti i documenti relativi al PAL2, introducendoli con una breve sintesi che ne agevola la comprensione. Li ringraziamo anche perché in questo si sono dimostrati più bravi di noi.

Oggi anche i quotidiani ticinesi hanno dato risalto alle osservazioni da noi inoltrate alla Commisione regionale dei trasporti (CdT, GdP, La Regione).

Condividi post
Repost0
24 agosto 2011 3 24 /08 /agosto /2011 13:41

Un mese fa vi avevamo segnalato le prime prese di posizione di ATA e ASTUTI nella consultazione sul PAL2 (Piano di agglomerazione del Luganese) indetta dalla CRTL (Commissione Regionale dei Trasporti del Luganese). Ora anche le altre associazioni che aderiscono all'Osservatorio della mobilità luganese e che agiscono nel territorio per la tutela e la salvaguardia del bene comune (Cittadini per il Territorio Massagno, VivaGandria, Uniti per Bré, Capriasca Ambiente e Associazione Quartiere Bomborozzo) hanno inoltrato alla CRTL le loro osservazioni.

Si tratta di un problema complesso e il documento non è di facile lettura per i non addetti ai lavori. Ma oltre che complesso il problema è di grande importanza per l'assetto futuro del territorio in cui viviamo; si tratta perciò di fare uno sforzo per capire e affrontare quei temi che rischiano di pregiudicare lo sviluppo territoriale del Luganese nei prossimi decenni.

La nostra posizione sul progetto presentato è sostanzialmente negativa. Ne deploriamo innanzitutto la fumosità dell'esposizione e la scarsa volontà di promuovere il coinvolgimento della popolazione (all'unica serata informativa organizzata a Lugano hanno partecipato meno di 10 persone). Denunciamo inoltre la mancanza di trasparenza, tradottasi in particolare nel rifiuto di metterci a disposizione dati che reputiamo essenziali (modello di traffico cantonale). Contestiamo le categorie delle "zone funzionali" proposte, molto grossolane e imprecise per cui Gandria (con Bré) è definita impropriamente e semplicisticamente "zona suburbana". Sostanzialmente ci opponiamo alla visione di fondo del progetto che - pur dichiarando a parole di voler promuovere lo sviluppo attorno a un nuovo sistema tram-treno del costo di circa 500 milioni di franchi (e ai trasporti pubblici in generale) - privilegia di fatto per il prossimo ventennio il modello di sviluppo attuale, basato sui trasporti individuali automobilistici, prefigurando un peggioramento della critica situazione di traffico che già oggi constatiamo a Lugano.

Ciliegina sulla torta: questo pasticcio dovrebbe costare a tutti i contribuenti dei comuni coinvolti  un aumento dell'1% del moltiplicatore d'imposta, necessario per creare un fondo infrastrutturale che permetterà "di fare quello che si vuole" e che la Confederazione (che la pensa come noi) pur potendolo rifiuterà di finanziare in modo adeguato. 

Condividi post
Repost0