Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
1 dicembre 2011 4 01 /12 /dicembre /2011 16:26

L'otto dicembre prossimo, giorno dell'Immacolata, si terrà l'ormai tradizionale incontro tra le associazioni e i gruppi impegnati nella difesa del territorio luganese. Si tratta di un raduno conviviale per favorire la reciproca conoscenza, scambiare informazioni e gettare le basi di possibili collaborazioni.

L'appuntamento è nell'aula magna della scuola media di Tesserete a partire dalle 16.00. Ci saranno bancarelle dove le associazioni presenteranno prospetti informantivi e documentazioni. Dopo il benvenuto di Capriasca Ambiente, Muriel Hendrichs presenterà i progetti di Pro Frutteti (logico ricordare che in Capriasca sono specializzati nella coltivazione di vari tipi di mele, dalle quali spremono anche un buon mosto). In seguito le associazioni presenti illustreranno i loro scopi, le più importanti attività recenti e i progetti per il futuro. Seguirà l'aperitivo offerto da Capriasca Ambiente.

Condividi post
Repost0
28 novembre 2011 1 28 /11 /novembre /2011 13:37

Per chi l'avesse persa o volesse rivederla mettiamo in linea l'ultima puntata di Falò.

Introduce un dibattito interessante, quello della partecipazione di associazioni che, come la nostra, si battono per la salvaguardia del territorio alla pianificazione della città. Un tema fondamentale. Fino a pochi mesi fa il nostro sindaco la riteneva "un pericolo per la democrazia", ora sembra essersi ricreduto e dice di salutarla positivamente. L'abbiamo già detto: a Lugano l'aria è cambiata. Lo testimonia anche il sondaggio fatto da Falò: rileva una maggioranza bulgara di cittadini i quali ritengono che si è demolito troppo, si è costruito male e bisogna salvaguardare di più. 

A noi questo richiede un maggior impegno in quanto ci invita ad assumere più responsabilità quale componente nella realizzazione del nuovo piano regolatore della città, in particolare per quanto riguarda il nostro villaggio. Sappiamo peraltro che un piano regolatore richiede tempi lunghi e, per evitare che nel frattempo i buoi escano dalla stalla, occorre rafforzare la nostra presenza e vigilanza nel presidio del territorio. Necessità quindi di mantenere le nostre attività socio-culturali per rafforzare il senso di comunità della popolazione residente, senza la quale non si fa niente. Necessità di studiare la nostra storia passata, per capire il presente e migliorare il futuro. Necessità, soprattutto, di riflettere al possibile sviluppo di Gandria garantendo nel contempo la salvaguardia del suo delicato tessuto. 

Condividi post
Repost0
28 novembre 2011 1 28 /11 /novembre /2011 08:34

Sarà la voglia di ritornare alla scorsa calda estate in questa pur meravigliosa coda d'autunno che preannuncia la prima neve. Sarà la nostra mania di voler documentare tutto. Sarà per darvi occasione di rivedervi e sogghignare. Sia quel che sia, quando Alon - ingarbugliato e ritardato da problemi tecnici difficili da risolvere - ci ha inviato questi tre documenti non abbiamo resistito alla voglia di farveli vedere.

Il primo è un diaporama che ripropone un riassunto di quella giornata di racconti vicini e lontani.

Il secondo è un filmato delle tre fiabe raccontate ai bambini.

Il terzo è un filmato con il finale della terza fiaba che evidentemente Alon non è riuscito a far stare nel primo.

Condividi post
Repost0
26 novembre 2011 6 26 /11 /novembre /2011 14:11

La raccolta di firme per l'iniziativa comunale promossa dall'ATA, che intende accelerare la costruzione di percorsi ciclabili a Lugano, ha superato quota 3000 e dovrebbe quindi essere riuscita. Attenzione però: le firme vanno ancora controllate e alcune potrebbero risultare non valide. Devono essere consegnate entro il 9 dicembre; restano ancora alcuni giorni per un ultimo sforzo onde evitare sorprese. Chi fosse ancora in possesso di formulari anche solo parzialmente riempiti è invitato a inviarli a: Comitato apartitico “Lugano a misura di bici”, Fermo posta Lugano 3, 6900 Lugano 3.

Condividi post
Repost0
18 novembre 2011 5 18 /11 /novembre /2011 16:14

Quattro consiglier comunali - Cristina Zanini Barzaghi e Raoul Ghisletta (PS), Giovanni Bolzani (PLR) e Gianni Cattaneo (Verdi) - hanno presentato al Municipio un'interrogazione per sapere cosa intende fare il comune per adeguare i suoi servizi amministrativi alla realtà della nuova Lugano. A loro parere quattro sono i settori in cui si registrano carenze: DSU, rifiuti, territorio e sicurezza. A Gandria siamo certo in buona posizione per sapere che hanno assolutamente ragione (a parte, ci pare, la questione sicurezza). Lo fanno a due anni di distanza da una prima interrogazione socialista a cui il Municipio aveva risposto in modo evasivo e gli inconvenienti indicati si sono ripetuti. Ritengono che per ovviare alla situazione il comune debba dotarsi di una "struttura a petali" come già avviene per la scuola. Avvertono che "con le probabili ulteriori aggregazioni la Città dovrà riorganizzare i propri servizi, così da migliorare la conoscenza e la capacità d'intervento sul suo vasto territorio". 

Risollevano poi la questione delle Commissioni di quartiere, di cui poco tempo fa un consigliere comunale leghista aveva chiesto l'abolizione, richiesta respinta dal Municipio. A parere dei quattro interroganti, le Commissioni sono un istituto valido ma devono ricevere maggiore considerazione e competenze. Su questo punto noi siamo piuttosto perplessi. Sappiamo, l'abbiamo ripetuto più volte, che contano come il due di briscola; che siano mantenute o abolite, poco cambierebbe. Il problema vero è che la nuova Lugano è nata "city-centrica" e non riesce a considerare in modo adeguato i bisogni dei nuovi comuni inglobati ai quali non dà spazio come quartieri. Una possibile soluzione andrebbe forse ricercata in una modifica della legge per quanto riguarda l'elezione del Consiglio comunale, che assicuri a ogni rione almeno un rappresentante, come succede già in diverse grandi città svizzere. Sarebbe una soluzione logica per un comune che ama proclamarsi "Città di quartieri", che nel contempo darebbe maggior peso alle diverse sensibilità politiche dei vari rioni.

Condividi post
Repost0
6 novembre 2011 7 06 /11 /novembre /2011 13:59

Quando parliamo dei due soli di Gandria ad amici di fuori spesso ci guardano con un sorrisetto canzonatorio come per dire: "ma a chi vuoi darla a bere?".

Uomini e donne di poca fede, siamo stufi della vostra incredulità! Beccatevi dunque questa foto che ci ha inviato Didel, la prova provata che non raccontiamo fandonie.

DSCN0104.JPG

Condividi post
Repost0
4 novembre 2011 5 04 /11 /novembre /2011 08:55

DSCN1387.JPGHanno cominciato venerdì 28 ottobre alcuni richiedenti d'asilo che risiedono al Centro registrazione di Biasca che hanno raccolto le olive sopra il cimitero: c'erano albanesi, kossovari, persiani, kenyoti, eritrei ... Il 29 e il 30 sono subentrati i gandriesi, più di una ventina, che hanno raccolto i frutti dei 75 alberi sopra il raccordo carrozzabile, oltre 500 kilogrammi. L'olio è stato subito spremuto in piazza. L'abbiamo gustato la sera al Ristorante Antico, dove lo chef Salvatore ci ha preparato delle buone focacce e un'ottima zuppa di ceci. Il prodotto finale è stato ritenuto eccellente da tutti. 

DSCN1396DSCN1410

EnzioRoberto.jpgQuesta prima raccolta è stata organizzata dal Fondo SNAG e da VivaGandria. Ci è servita per prendere le misure del compito. Ora sappiamo che per poter raccogliere le olive in un paio di giorni occorrono più reti e almeno una trentina di persone, qualcuna in più non guasterebbe. Siamo quindi pronti per la prossima raccolta, quella del 2012, per la quale organizzeremo - magari con l'aiuto del Comitato manifestazioni - una festa in piazza. La raccolta delle olive dovrà diventare un importante evento annuale che coinvolgerà tutta la popolazione del villaggio, destinato ad attirare anche gente da fuori.

Per chi c'era e vuole rivedersi, per chi non c'era e vuole vedere, mettiamo in linea un breve filmato.

Condividi post
Repost0
1 novembre 2011 2 01 /11 /novembre /2011 14:54

La raccolta delle firme per il referendum sulla pianificazione della trincea di Massagno è riuscita con un buon margine di riserva. Giovedì 26 ottobre sono state consegnate al Municipio 567 firme, ben più delle 456 richieste. E ciò malgrado un'accanita campagna denigratoria e di disinformazione inscenata da chi insiste nel voler propugnare un'ennesima strada di traffico all'interno di un quartiere residenziale. Dopo 10 anni di studi a porte chiuse, senza il coinvolgimento della popolazione, che sono costati circa mezzo milione, si torna quindi al punto di partenza. Uno spreco di soldi e di tempo. Speriamo che ciò consenta di aprire e rilanciare il necessario dialogo. Per maggiori informazioni andate sul sito dei Cittadini per il Territorio di Massagno.

Condividi post
Repost0
31 ottobre 2011 1 31 /10 /ottobre /2011 11:51

Il Gruppo per la mobilità e la partecipazione di Sonvico-Dino promuove - martedì 8 novembre alle 20.15 nell'Aula magna della scuola media di Pregassona - un incontro pubblico sul tema che ne ha guidato l’attività e determinato le proposte nei due anni appena trascorsi: la progettazione partecipata dello spazio pubblico. Secondo questa modalità, le proposte destinate a modificare in meglio la nostra vita nascono dal basso, grazie al contributo di tutti i cittadini, e stimolano soluzioni originali, creative, condivise.

Per l’occasione è stata invitata la sociologa Marianella Sclavi, autrice insieme a Lawrence Susskind della pubblicazione Confronto creativo. Dal diritto di parola al diritto di essere ascoltati (et al., Milano 2011) in cui le campane suonano a morto per la vecchia e defunta democrazia rappresentativa! In quel libro Sclavi e Susskind sostengono infatti che «i suoi modelli di soluzione dei problemi e di decisione, applicati anche nelle aziende, nelle comunità locali, in ogni genere di riunione, portano a scelte non condivise, minoranze infelici e soluzioni povere». Ben altro propone il «confronto creativo» che dà il titolo al libro: la democrazia deliberativa è un modello all’interno dei quali i conflitti non vengono ignorati a favore della maggioranza ma gestiti in maniera creativa per arrivare a soluzioni condivise… partecipate, appunto!

  
Condividi post
Repost0
27 ottobre 2011 4 27 /10 /ottobre /2011 19:36

DSC03467Sabato scorso 22 ottobre la palestra comunale di Gandria era gremita di gente. Oltre 100 persone, giovani e anziani, per assistere alla presentazione di "oltre ogni speranza", il nuovo romanzo di Roberto Genazzini. Poi, dopo il rinfresco, la proiezione del film "L'ultima speranza", girato in parte qui nel 1944.

DSCN1343.JPG

Ferruccio Unternährer, presidente del Consiglio comunale di Lugano, ha portato i saluti delDSCN1333.JPG Municipio e assicurato che la città è ben cosciente del valore particolare di Gandria e ben decisa a salvaguardarne le peculiarità. Lo ringraziamo per queste sue parole che riteniamo di buon auspicio per il futuro, dato che finora non abbiamo potuto constatare quella buona disposizione del comune.

 

In seguito Damiano Realini e l'autore hanno presentato il libro a un pubblico attento e interessato, commentando alcuni passaggi salienti di un giallo che si riallaccia alla storia.

DSCN1357.JPGPer molti gandriesi, che non lo avevano mai visto, la proiezione del film è stata una gradita sorpresa, permettendo di riscoprire luoghi e volti famigliari agli anziani. É intervenuto anche Felice Bustelli che, commosso, ha ricordato la sua esperienza di comparsa vissuta all'età di sei anni.

Alla fine tutti si sono sentiti molto soddisfatti per una serata che ha rappresentato ben più della presentazione di un libro e la proiezione di un film, per diventare incontro di una comunità che si sta lentamente riscoprendo.

Condividi post
Repost0