Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
11 gennaio 2012 3 11 /01 /gennaio /2012 16:43

Un blog tira avanti a singhiozzi, al ritmo dettato dalle notizie degne di nota e degli umori di chi lo amministra. Non pretende completezza, ma si prefigge di attirare l'interesse e di informare sui temi che privilegia. Niente di grave quindi se non vi diciamo tutto, ma quello che vi abbiamo taciuto sul finire dell'anno trascorso è veramente troppo e, prima di affrontare quello nuovo, ci sembra doveroso ricordarvi le più importanti cose omesse.

» l'incontro delle associazioni: a inizio dicembre vi avevamo chiamati a Tesserete per il tradizionale incontro tra le associazioni e i gruppi impegnati nella difesa del territorio luganese, poi ci siamo dimenticati di dirvi com'è andato. Potete scoprirlo qui.

» l'agonia della Romantica: già nel lontano ottobre 2009 vi avevamo detto che si era aperto uno spiraglio di salvezza per la minacciata Villa Galli di Melide, l'attuale Romantica. Purtroppo all'inizio di dicembre dello scorso anno è giunta notizia che quello spiraglio sta per chiudersi. Sulla storia di Villa Galli trovate un interessante inserto sul numero di luglio-settembre della rivista della STAN "Il nostro Paese", che qui è possibile ordinare. Ve lo raccomandiamo perché comprende anche un nutrito e interessante dossier sullo sciagurato parco eolico che si intende costruire al San Gottardo.

» forse rinasce la funicolare: quasi un hanno fa avevamo invece espresso l'auspicio che potesse essere rimessa in esercizio la funicolare tra Santa Margherita e Lanzo d'Intelvi. Ebbene, a metà dello scorso dicembre è giunta notizia che forse quell'auspicio potrebbe avverarsi. Speriamo!

» il tram a Lugano: il 19 dicembre scorso è stato presentato in pompa magna a Bellinzona il progetto di massima per la realizzazione della prima tratta della rete tramviaria luganese; il collegamento tra la Piana del Vedeggio e il cuore della City, con una costosa galleria. Il progetto prevede l'investimento di quasi 300 milioni, di cui circa 90 coperti dalla Confederazione. Nell'ambito dell'Osservatorio dei trasporti del Luganese abbiamo già espresso i nostri dubbi riguardo l'iter scelto per un'opera peraltro auspicabile: torneremo quindi presto sull'argomento.

» il pasticciaccio brutto di via Peri: dopo avervi esposto estesamente la questione non vi abbiamo detto niente del come si prospetta il finale. Nel peggiore dei modi, con una multa irrisoria per un abuso lucroso. Sembra che a Lugano valga la pena non rispettare i regolamenti edilizi e la parola data. Tra l'altro l'ex-partitone ha convocato il suo consigliere comunale Giordano Macchi, reo di aver suscitato il vespaio, per dargli una tirata d'orecchi: ha dovuto lasciare il suo mandato di vice-capogruppo del PLR nel legislativo.

Condividi post
Repost0
21 dicembre 2011 3 21 /12 /dicembre /2011 01:06

Il nostro sindaco di mestiere fa l’architetto. È anche ben ammanicato con i grossi promotori immobiliari locali che negli ultimi decenni hanno messo le mani sulla città. La questione non è di poco conto e ha già indotto alcuni osservatori a sollevare dubbi sulla compatibilità dei due ruoli. Specialmente nel momento in cui il Comune si appresta a rivedere il suo Piano Regolatore.

La recente faccenda di via Peri sembra fatta apposta per illustrare i problemi posti da questa situazione. La riassumiamo.

Ai numeri civici 11/13 di via Peri è in corso da due anni - in base a un progetto dell’Archiconsult di Giorgio Giudici - la riattazione di uno storico edificio che dovrebbe essere tutelato, in origine il convento Seicentesco di Santa Caterina. Logico che in casi simili si cerchi di tutelare l’interesse pubblico cercando di arginare l’eventuale ingordigia dei promotori. È quello che devono aver pensato i consiglieri comunali di vari partiti che già il 9 maggio 2009, a ristrutturazione non ancora iniziata, inoltrarono un’interrogazione al Municipio ponendo precise domande. L’esecutivo rispose il 21 luglio a firma Giorgio Giudici (il progettista?) rassicurandoli che non c’era nulla da temere perché tutto veniva fatto secondo le norme vigenti. Quindi i lavori iniziarono con buona pace di tutti.

Ma il 12 ottobre scorso La Regione informa che il cantiere è stato bloccato per decisione del Cantone. Cos’è successo? Avendo notato che il progetto iniziale era stato cambiato nel corso dei lavori (nuove aperture e modifica del tetto), il 1° luglio un confinante ne informò l’Ufficio tecnico comunale: non ottenne risposta. Poi riceve una comunicazione del Municipio secondo cui, dopo controlli effettuati, tutto risulta a norma. Però poco dopo il sindaco-architetto e i promotori inoltrano al Comune una domanda di sanatoria per lavori già eseguiti (i portici a pianterreno e un appartamento ricavato nel sottotetto) non conformi al progetto presentato per la licenza di costruzione. A questo punto il confinante ricorre al Consiglio di Stato, denunciando le negligenze dell’amministrazione comunale; il governo cantonale gli dà ragione e blocca i lavori in attesa di verifiche.

Due mesi dopo 20 minuti afferma che per le irregolarità riscontrate in via Peri il Municipio da lui presieduto ha comminato all’architetto Giudici una sanzione pecuniaria di 100.000 franchi. Subito l’architetto Giudici smentisce la notizia  e pochi minuti dopo il suo Municipio precisa che “l’oggetto è tutt’oggi all’esame dell’Esecutivo”. Pochi giorni dopo 20 minuti lascia intendere che la sua fonte d’informazione sarebbe un municipale o un funzionario comunale.

A questo punto la questione ritorna in Consiglio Comunale con un’interrogazione di Melitta Jalkanen (Verdi) e Giordano Macchi (PLR). Le loro domande, a cui finora il Municipio non ha risposto, sono precise e sollevano diversi interessanti problemi. Per esempio: se nel 2009 Giudici era già il progettista della ristrutturazione, come mai gli è stato permesso di autocertificarsi? Oppure quello della possibile sanzione pecuniaria. Per i comuni mortali 100.000 franchi possono sembrare molti, ma in realtà si tratta di una cifra irrisoria rispetto all'eventuale bene ottenuto illegalmente - un prestigioso appartamento nel centro della city luganese - che per difetto dovrebbe valere almeno dieci volte tanto. La questione è dunque complessa e per il Municipio, in evidente imbarazzo, non facile da dipanare. O forse un'idea ce l’ha già, forse una simbolica nanomulta (magari proposta da Giuliano Bignasca), difficile però da far digerire al popolo e quindi da comunicare al momento più propizio (perché non a Capodanno, tra i botti dello champagne?); è quello che lascia intuire una recente dichiarazione televisiva del vice-sindaco Erasmo Pelli, che non riesce a capire come si possa fare tanto chiasso per una multa di 1000-2000 franchi. La Regione, “per mettere ordine in solaio”, spiega la complessità dell’iter decisionale, nel quale anche il Cantone potrebbe avere la sua parola da dire. Vedremo.

Intanto però abbiamo notato che questa storia, che abbiamo rischiato di non conoscere, è stata diffusa dalla stampa che fa capo all’editore bellinzonese Giacomo Salvioni. Il Corriere del Ticino schiva l’oliva e, se proprio deve, ne parla a denti stretti. Il Giornale del Popolo, ironizzando, fa l’uregiatt. Sul Mattino della domenica e 10 minuti, solitamente sbraitanti, un eloquente silenzio. Si può quindi pensare che si tratti solo di un regolamento di conti tra radicali e liberali dell’ex-partitone, oppure di una coda dei recenti scontri elettorali tra centrodestra e centrosinistra, forse addirittura del risorgere dell’atavica diffidenza tra Sopra- e Sottoceneri. C’è certo del vero in questo, ma se si trattasse solo di questo non ci interesserebbe più di quel tanto. Ci interessa invece la corretta applicazione di leggi e regolamenti che i controllori non dovrebbero essere i primi a trasgredire.

Di fronte a storie simili viene da dire; cose dell’altro mondo, di altri tempi! Invece questo pasticciaccio avviene oggi a Lugano.

Condividi post
Repost0
18 dicembre 2011 7 18 /12 /dicembre /2011 13:05

La giornata natalizia di Gandria dell'11 dicembre è andata più che bene malgrado il tempo incerto. Già il mattino i bambini si sono radunati nella palestra assieme ai genitori per ricevere i regali di San Nicolao, offerti dal Comitato manifestazioni.

Nel pomeriggio alcune centinaia di persone sono venute al mercatino. L'attrazione del giorno era certamente il nostro olio, andato a ruba in meno di un'ora. Apprezzati anche i prodotti artigianali, le ottime torte e l'incommensurabile formaggella di Isone.

Un plauso particolare ai bambini di Gandria che hanno lavorato, divertendosi e socializzando, per due sabati interi a preparare gli oggetti da vendere al mercatino. Il guadagno realizzato dalla vendita - più di 500 franchi - è stato devoluto al nido/asilo d'infanzia di Betlemme gestito dalle suore dell'ordine francese delle sorelle della carità di San Vincenzo. La crêche accoglie bambini palestinesi abbandonati, trascurati o orfani.

L1210476.jpg eventi 7039 

001 eventi-7057.JPG

eventi 7048

L1210494.JPG L1210489.JPG

L'apprezzatissima esibizione dei Kolping Singers è stata seguita in una chiesa di San Vigilio stracolma. Un grazie ai bravi cantanti che hanno promosso anche una colletta per sostenere VivaGandria.

eventi-7068.JPG

Purtroppo il corteo delle lanterne dei bambini è stato disturbato dalla pioggia. Ma loro non si sono persi d'animo e gli promettiamo un tempo migliore per il prossimo anno.

eventi-7079.JPG L1210538

Per finire, per la seconda volta nello stesso giorno, la palestra comunale si è riempita di gente per l'aperitivo offerto da VivaGandria.

eventi-7085.JPG


Condividi post
Repost0
17 dicembre 2011 6 17 /12 /dicembre /2011 12:03

Sono state consegnate ieri le 3939 firme raccolte a sostegno dell'iniziativa comunale "Lugano in bici", la quale chiede che venga realizzata al più presto, ma non oltre 3 anni, una rete ciclabile sicura e continua tra i vari quartieri, affinché ci si possa spostare in bicicletta con tranquillità e sicurezza. 

Consegna.jpg

Un successo ottenuto rapidamente e tutto sommato con facilità: il problema è sentito dalla popolazione, che si aspetta un più concreto impegno delle autorità per la realizzazione di una rete ciclabile. L'iniziativa lanciata dall'ATA era sostenuta da diversi gruppi e associazioni, tra cui VivaGandria. È rallegrante constatare come il coordinamento tra le associazioni che operano per la salvaguardia del territorio - nato nell'ambito della consultazione sul PAL2 come Osservatorio della mobilità luganese -  abbia già prodotto un primo frutto. Si tratta però solo del primo passo: ora bisognerà vigilare affinché il testo venga posto rapidamente in votazione e, soprattutto, convincere la maggioranza dei votanti.

Condividi post
Repost0
13 dicembre 2011 2 13 /12 /dicembre /2011 15:15

Venerdì 16 dicembre alle 10.30 le firme raccolte con successo per l'iniziativa Lugano in bici saranno consegnate alla Cancelleria comunale.

                                              bici.jpg

Per chi volesse partecipare ed essere immortalato sulla foto ricordo l'appuntamento è qualche minuto prima in Piazza Riforma. Possibilmente in bicicletta, va da sè!

Condividi post
Repost0
10 dicembre 2011 6 10 /12 /dicembre /2011 08:55

Non è certo sacrilego affermare che da tempo più che una ricorrenza religiosa il Natale è diventato una festa del consumo, se non addirittura dello spreco. Rimane peraltro un momento di riflessione e di buoni propositi. 

avvento

Ben venga allora questo calendario dell'Avvento proposto in cinque lingue da Consultati, pieno di informazioni utili sul tema dello sviluppo sostenibile.

Condividi post
Repost0
4 dicembre 2011 7 04 /12 /dicembre /2011 12:00

Il prossimo 11 dicembre a Gandria tira aria di Natale (speriamo senza neve o pioggia).

Già il mattino i bambini del paese ricevono in palestra la visita di San Nicolao.

Poi alle 14.00 in Piazza Nisciör si apre il mercatino. Sarà forse uno dei più piccoli mercatini al mondo ma è certamente il solo in grado di offrire il mitico olio d'oliva di Gandria. Non solo; anche altri prodotti gastronomici di alta qualità, come formaggi, formaggini, vino e miele. Non mancheranno neanche i gioielli artigianali della Transilvania, grazie a una compaesana del conte Dracula trasferitasi qui. I bambini non hanno voluto essere da meno e in questi giorni si stanno dando da fare a preparare diverse cose che metteranno in vendita. Poi ancora alcune sorprese che non vi riveliamo.

Alle 16.30 gli stessi bambini attraverseranno il paese illuminandolo con le lanterne che hanno preparato con le loro stesse manine.

Alle 17.15 nella chiesa di San Vigilio concerto del coro Kolping Singers che canteranno brano natalizi diretti dal maestro Nicolaj Strauss.

Dopo il concerto, VivaGandria offrirà un aperitivo a tutti i presenti: forse in palestra o forse al Ristorante Roccabella.

Qui potert scaricare e stampare la locandina.

Condividi post
Repost0
1 dicembre 2011 4 01 /12 /dicembre /2011 16:26

L'otto dicembre prossimo, giorno dell'Immacolata, si terrà l'ormai tradizionale incontro tra le associazioni e i gruppi impegnati nella difesa del territorio luganese. Si tratta di un raduno conviviale per favorire la reciproca conoscenza, scambiare informazioni e gettare le basi di possibili collaborazioni.

L'appuntamento è nell'aula magna della scuola media di Tesserete a partire dalle 16.00. Ci saranno bancarelle dove le associazioni presenteranno prospetti informantivi e documentazioni. Dopo il benvenuto di Capriasca Ambiente, Muriel Hendrichs presenterà i progetti di Pro Frutteti (logico ricordare che in Capriasca sono specializzati nella coltivazione di vari tipi di mele, dalle quali spremono anche un buon mosto). In seguito le associazioni presenti illustreranno i loro scopi, le più importanti attività recenti e i progetti per il futuro. Seguirà l'aperitivo offerto da Capriasca Ambiente.

Condividi post
Repost0
28 novembre 2011 1 28 /11 /novembre /2011 13:37

Per chi l'avesse persa o volesse rivederla mettiamo in linea l'ultima puntata di Falò.

Introduce un dibattito interessante, quello della partecipazione di associazioni che, come la nostra, si battono per la salvaguardia del territorio alla pianificazione della città. Un tema fondamentale. Fino a pochi mesi fa il nostro sindaco la riteneva "un pericolo per la democrazia", ora sembra essersi ricreduto e dice di salutarla positivamente. L'abbiamo già detto: a Lugano l'aria è cambiata. Lo testimonia anche il sondaggio fatto da Falò: rileva una maggioranza bulgara di cittadini i quali ritengono che si è demolito troppo, si è costruito male e bisogna salvaguardare di più. 

A noi questo richiede un maggior impegno in quanto ci invita ad assumere più responsabilità quale componente nella realizzazione del nuovo piano regolatore della città, in particolare per quanto riguarda il nostro villaggio. Sappiamo peraltro che un piano regolatore richiede tempi lunghi e, per evitare che nel frattempo i buoi escano dalla stalla, occorre rafforzare la nostra presenza e vigilanza nel presidio del territorio. Necessità quindi di mantenere le nostre attività socio-culturali per rafforzare il senso di comunità della popolazione residente, senza la quale non si fa niente. Necessità di studiare la nostra storia passata, per capire il presente e migliorare il futuro. Necessità, soprattutto, di riflettere al possibile sviluppo di Gandria garantendo nel contempo la salvaguardia del suo delicato tessuto. 

Condividi post
Repost0
28 novembre 2011 1 28 /11 /novembre /2011 08:34

Sarà la voglia di ritornare alla scorsa calda estate in questa pur meravigliosa coda d'autunno che preannuncia la prima neve. Sarà la nostra mania di voler documentare tutto. Sarà per darvi occasione di rivedervi e sogghignare. Sia quel che sia, quando Alon - ingarbugliato e ritardato da problemi tecnici difficili da risolvere - ci ha inviato questi tre documenti non abbiamo resistito alla voglia di farveli vedere.

Il primo è un diaporama che ripropone un riassunto di quella giornata di racconti vicini e lontani.

Il secondo è un filmato delle tre fiabe raccontate ai bambini.

Il terzo è un filmato con il finale della terza fiaba che evidentemente Alon non è riuscito a far stare nel primo.

Condividi post
Repost0