Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
24 ottobre 2014 5 24 /10 /ottobre /2014 15:22

Puntuale come da copione è arrivato il ricorso dell'architetto Lo Riso contro la decisione municipale dell'11 settembre scorso che nega la licenza al piano di quartiere per il Borgo degli Ulivi. Lo mettiamo a disposizione di tutti ma per il momento - in attesa di un più attento esame - ci asteniamo dal commentarlo. 
Di primo acchito si può comunque dire che le argomentazioni fanno tesoro dell'ambiguità delle autorità cantonali nell'applicare le disposizioni di legge per la salvaguardia dei beni culturali, spesso stiracchiate a seconda degli interessi anche politici del momento. Se venissero applicati i postulati proposti nell'iniziativa promossa dalla STAN (firmatela!) questa politica a geometria variabile sarebbe assolutamente impedita.
Inoltre profitta dell'ignavia del Municipio di Lugano che - paralizzato dall'eventualità di dover pagare un risarcimento - da diversi anni continua a far finta di non vedere la fondamentale contraddizione tra un piano regolatore che permette l'edificabilità di una zona e le norme di protezione federali e cantonali che la considerano di fatto inedificabile.
Dovendo definire la nostra presa di posizione entro un mese, avremo occasione di ritornare presto su una questione che ci ha molto coinvolti nei trascorsi sei anni. 

Repost 0
Published by VivaGandria
scrivi un commento
21 ottobre 2014 2 21 /10 /ottobre /2014 10:51

Da sei anni la nostra associazione si prodiga per la salvaguardia del patrimonio architettonico e paesaggistico di Gandria. Nel frattempo sono sorte altre associazioni e gruppi che nel cantone perseguono gli stessi scopi. Tra di loro è nata lentamente la consapevolezza che oltre al lavoro di sensibilizzazione e resistenza puntuale è necessario occuparsi anche della modifica di una legislazione cantonale lacunosa che negli anni trascorsi ha permesso il verificarsi di molti scempi.
Perciò le associazioni ambientaliste di cittadini si sono incontrate per definire e proporre due iniziative che vogliono colmare alcune lacune legislative e facilitare gli interventi puntuali di tutela.

La prima, denominata Spazi verdi per i nostri figli, si prefigge di tutelare gli spazi non o poco edificati di fondovalle, in particolare i piani della Riviera, di Magadino, del Vedeggio, del Laveggio e del Gaggiolo. E’ promossa da diverse associazioni di cittadini (tra cui VivaGandria) e contadine; un “connubio” interessante che di per sé rappresenta un’importante novità. Si tratta di un’iniziativa elaborata e in caso di accettazione popolare diventerebbe testo di legge entro cinque anni. Qui trovate le informazioni e il formulario per la raccolta delle firme.

La seconda, Un futuro per il nostro passato, è invece un’iniziativa generica promossa dalla STAN per tutelare il nostro patrimonio architettonico. Se accolta, i suoi postulati dovranno essere trasformati in legge e applicati dalle autorità cantonali entro tempi brevi, in particolare per quanto riguarda l’elenco dei beni culturali con l’inclusione dei comparti edificati e non edificati censiti dall’Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere (ISOS). Trovate qui le informazioni e il formulario da firmare.

Sono iniziative che partono dal basso, che non godono dell’avallo dei partiti (divisi al loro interno su queste tematiche), e richiedono il contributo attivo di ognuno di noi: vi invitiamo perciò a firmarle e a farle firmare.

47ec653fda.jpg

Repost 0
Published by VivaGandria
scrivi un commento
19 ottobre 2014 7 19 /10 /ottobre /2014 09:49

Informazione in tempo reale: oggi 19 ottobre, la Bottega di Gandria va in letargo fino a Pasqua. Per un buon formaggio, una bottiglia di vino, l'ottima Grappa Gioc per passare l'inverno o gli ultimi salametti c'è ancora tempo fino alle 7 di questa sera.

Varia-2742-copia-3.JPG

Repost 0
Published by VivaGandria
scrivi un commento
16 ottobre 2014 4 16 /10 /ottobre /2014 09:31

Quest'anno per le olive è stato un anno difficile. Dapprima la pioggia, che ne ha rallentato la maturazione, poi la mosca che le ha aggredite. Questo ci ha posto un dilemma; raccoglierle a metà novembre per consentire una buona maturazione o farlo prima per limitare il danno delle mosche? Ha prevalso la seconda opzione, per cui le olive saranno raccolte sabato 25 ottobre: ritrovo alle 9 del mattino dietro la chiesa. Date le circostanze si prevede un raccolto minore di quello dell'anno scorso, ma la qualità dell'olio non dovrebbe risentirne.
Come già gli scorsi anni i volontari del centro rifugiati di Chiasso ci daranno una mano aprendo le danze già giovedì. 
Dopo la raccolta di sabato, in serata verrà offerta a tutti i partecipanti l'ormai tradizionale zuppa di ceci, quest'anno al Ristorante Antico, e si potrà provare l'olio appena spremuto.
Chi vuole partecipare ci può contattare tramite vivagandria@viva-gandria.ch 

giornali

Repost 0
Published by VivaGandria
scrivi un commento
10 ottobre 2014 5 10 /10 /ottobre /2014 10:31

E' iniziata la raccolta di firme per il referendum contro il raddoppio della galleria autostradale del Gottardo, sostenuto anche da VivaGandria.
Ci sembra molto importante che le firme raccolte in Ticino siano tante, per sfatare l'immagine veicolata da alcuni politici di un cantone avido di un secondo tubo. Quindi armatevi di penna, firmate e datevi da fare per raccogliere le firme di amici, colleghi e conoscenti. 
Sul sito dell'associazione "No al raddoppio del Gottardo" potete scaricare i formulari necessari (comodissimo quello preaffrancato da spedire ai promotori entro l'inizio di dicembre) e le ragioni principali per cui è importante opporsi attivamente a un'impresa anticostituzionale e irresponsabile.
Sul sito "Per un collegamento sud-nord sostenibile e scorrevole" troverete ulteriori informazioni, anche su eventi e serate in sostegno al referendum.

Ref Web Header IT

Repost 0
Published by VivaGandria
scrivi un commento
24 settembre 2014 3 24 /09 /settembre /2014 10:43

La settimana scorsa avevamo promesso i dettagli della negata approvazione al piano di quartiere per le tanto discusse palazzine di Gandria. Eccoli qua, con una breve premessa.

Quando nel luglio 2013 l’architetto Lo Riso (a nome del committente Luca Pacchin) ha presentato una domanda d’approvazione preliminare per un Piano di quartiere denominato “Borgo degli ulivi”, quattro privati e VivaGandria hanno inoltrato opposizione. Il 26 marzo 2014 si è opposto anche il Dipartimento cantonale del Territorio, per cui l’11 settembre scorso la Città di Lugano ha negato la sua approvazione.

La risoluzione municipale è rallegrante in quanto allontana almeno provvisoriamente da Gandria un immediato pericolo. E’ però oltremodo deludente per la povertà delle motivazioni addotte: già le argomentazioni di carattere architettonico sono banali ma soprattutto sconcerta l’esplicita riconferma dell’edificabilità delle parcelle, che diverse considerazioni consiglierebbero di mettere perlomeno in discussione.

L’opposizione cantonale - corredata dai giudizi delle commissioni federale e cantonali - è certo di maggior interesse. Ribadisce la necessità della conservazione integrale del paesaggio, della situazione topografica, degli elementi naturali e del villaggio di Gandria; rammenta le raccomandazioni dell’ISOS, in particolare la tutela delle costruzioni esistenti, la salvaguardia degli spazi liberi da edificazioni all’interno del perimetro del villaggio, il ripristino delle qualità di paesaggio rurale tradizionale e l’eliminazione degli elementi che alterano l’aspetto dell’insediamento e dei suoi dintorni. Quest’elencazione definisce già un programma d’intervento per la rivitalizzazione del paesaggio rurale e culturale da garantire definitivamente tramite strumenti pianificatori cantonali e comunali adeguati.

In pratica viene proposta la revisione del Piano regolatore e la protezione integrale di Gandria, ciò che VivaGandria va perorando da sempre. Ma il Municipio, cui le stesse richieste sono state poste già sei anni fa, è sordo. E il Cantone predica bene ma razzola male; da una parte il Dipartimento del Territorio fonda la sua opposizione su quelle considerazioni, dall’altra il Consiglio di Stato dopo sei anni non ha ancora reagito alla petizione di numerosi gandriesi che chiedevano la protezione integrale del villaggio a sensi della Legge sui beni culturali. 

Repost 0
Published by VivaGandria
scrivi un commento
22 settembre 2014 1 22 /09 /settembre /2014 15:31

Anche quest'estate rognosa ci è stata amica allietando la nostra visita alle Cantine con una magnifica domenica 14 settembre: grazie!
Un grazie anche alle equipe delle Bucce e di Picnic che ci hanno ammanito squisiti e sostanziosi manicaretti. Grazie a Gianfranco per il buon vino. Grazie alla società di navigazione per averci messo a disposizione un elegante battello. Grazie alla Bottega di Gandria per l'aperitivo offerto e alla famiglia Castelletti per l'imprevisto spuntino. Grazie a chi ci ha aperto le cantine e a Claudio e Roberto che ce le hanno spiegate. Grazie a tutti i partecipanti (una sessantina) che ci hanno resi contenti dicendo di essere contenti. 

Lasciamo parlare le immagini. 

DSC04315DSC04225

DSC0422414-IMG 9835

DSC04309.JPGDSC04218.JPG

47-IMG_9872.JPG13-IMG 9833

DSC04243.JPG22-IMG_9845.JPG

20-IMG_9841.JPGDSC04252.JPG

DSC04258.JPGDSC04281


Repost 0
Published by VivaGandria
scrivi un commento
17 settembre 2014 3 17 /09 /settembre /2014 14:04

Dopo la decisione cantonale di pochi mesi fa è giunta anche quella della Città di Lugano che dice no al tanto discusso progetto di palazzine accanto al nucleo del villaggio di Gandria. Tra alcuni giorni saremo in grado di fornirvi i dettagli della decisione per ora anticipata solo da un giornale.
Ovviamente ci rallegriamo per questo esito. Da noi interpellato il proprietario Luca Pacchin ha lasciato capire che intende adire le vie legali per opporsi al diniego di costruire, fino ad ottenere eventualmente un risarcimento e l'esproprio materiale del terreno. In teoria potrebbe presentare un terzo progetto, 
ma si tratta di una possibilità alquanto remota e improbabile per cui le palazzine di Gandria sembrano definitivamente affossate.
Rimangono tuttavia inevasi due problemi di fondo, che riproponiamo da più anni: 

1) la revisione del Piano Regolatore di Gandria per metterlo in sintonia con l'attuale realtà. Sia dall'amministrazione cantonale sia dai banchi del Consiglio Comunale, l'esecutivo luganese è stato ripetutamente invitato a occuparsi del problema. Ma il passato Municipio non ha fatto i compiti; resta da sperare che il nuovo si decida finalmente a farli.

2) l'8 ottobre 2008 la popolazione di Gandria ha chiesto al Consiglio di Stato la protezione integrale del villaggio; dopo sei anni non ha ancora ottenuto risposta. Una decisione positiva permetterebbe di affrontare in modo ragionato le questioni della salvaguardia del patrimonio architettonico del nucleo e della protezione del paesaggio, definendo in modo adeguato gli interventi adatti per un virtuoso sviluppo di Gandria; una decisione diventata particolarmente urgente di fronte ai vari abusi edilizi che si continuano purtroppo a registrare.

Repost 0
Published by VivaGandria
scrivi un commento
30 agosto 2014 6 30 /08 /agosto /2014 09:45

Non siamo stati in grado di dirvi tutto quando vi abbiamo presentato il programma delle visita culinaria alle Cantine del 14 settembre. Ora eccolo qua: Le Bucce e Picnic ci hanno trasmesso il menu completo che ci affrettiamo a comunicarvi. Ricordiamo che per la visita restano ancora pochi posti liberi; chi vuole esserci non perda quindi tempo e faccia subito l'iscrizione.
Dato che siamo in tema vi segnaliamo anche altri eventi culinari che si svolgeranno prossimamente. In primo luogo, già domani, la Festa del mulino di Bruzzella, che fornisce un ottima farina da polenta anche alla Bottega di Gandria. Gli amanti del vino non perdano l'appuntamento del 1° settembre con il Viso del Vino, al Palazzo dei Congressi. Dulcis in fundo, l'11 settembre, un'eccezionale cena organizzata da Slow Food al Ristorante Montalbano di Stabio.

dettaglio

Repost 0
Published by VivaGandria
scrivi un commento
11 agosto 2014 1 11 /08 /agosto /2014 14:10

Domenica 14 settembre le Cantine di Gandria riapriranno le loro possenti porte nell’ambito delle Giornate europee del Patrimonio Culturale, quest’anno dedicate alla cultura culinaria. La visita è organizzata da VivaGandria in collaborazione con NIKE (Centro nazionale d’informazione sul Patrimonio Culturale e l’Ufficio cantonale dei beni culturali, in partenariato con la Società navigazione del Lago di Lugano, Le Bucce di Gandria, Picnic e Vini Rovio.

E’ richiesto un contributo alle spese di 70.- franchi (35.- per i bambini). I posti sono limitati ed è quindi necessario iscriversi qui entro il 4 settembre (se disponete di un conto paypal potete pagare direttamente con la vostra carta di credito) oppure scrivendo a VivaGandria, CP 10, 6978 Gandria (o a vivagandria@viva-gandria.ch). Se non volete restare a terra e perdervi insolite pietanze affrettatevi ad aderire. Qui trovate ulteriori informazioni.

Rosetta-copia-1

Repost 0
Published by VivaGandria
scrivi un commento