Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
18 ottobre 2020 7 18 /10 /ottobre /2020 13:23

Il 6 ottobre scorso (da allora lavori sono in corso) è apparso un impianto di cantiere alla cosiddetta Ca' Rossa, la prima caserma federale dei doganieri costruita a metà Ottocento. La cosa ci ha sorpreso perché non è mai stata pubblicata nessuna richiesta di licenza di costruzione riguardo a quell'oggetto. Abbiamo indagato e scoperto che i proprietari dispongono di ben due licenze di costruzione, entrambe concesse secondo la "procedura di notifica senza pubblicazione". La prima, del 2016, raffigura un intervento di manutenzione straordinaria, la seconda, del 2017, un intervento piuttosto invasivo all'interno dell'edificio. Ricordiamo che la caserma era stata acquistata nel 1916 dall'architetto-ingegnere Carlo Hubacher che l'aveva conservata (come in seguito i suoi eredi) nel suo stato originale. Si tratta quindi di un oggetto meritevole di protezione per i suoi contenuti storici e simbolici. Nel 2012 l'allora CdS del Dipartimento del Territorio, onorevole Marco Borradori (attuale Sindaco di Lugano), lo aveva promesso ma finora, per ignavia delle autorità, lo aveva promesso, a l'edificio è tuttora senza protezione.
Il caso ricorda da vicino, per modalità e metodi, quello dell'abuso du Caprino/San Rocco a d opera del noto immobirialista Stefano Artioli, che aveva suscitato pubblico scalpore e l'apertura di un'inchiesta penale dopo le rivelazioni di Falò. A titolo precauzional, VivaGandria ha quindi scritto una lettera raccomandata al Municipio di Lugano per chiedere l'immediata sospensione dei lavori in attesa di verifiche.
 


 

Condividi post

Repost0

commenti